Non escluda i colleghi di lavoro

Consigli per parlarne con colleghi e superiori

La psoriasi influenza la vita lavorativa di molte persone. A parte lo stress derivante dal lavoro in sé, potrebbe dover gestire la curiosità dei colleghi riguardo alle placche visibili.

La psoriasi potrebbe anche causare assenze dal lavoro per gravi riacutizzazioni o difficoltà emotive. È quindi una buona idea considerare come gestire eventuali problemi potenziali ed educare i colleghi sulla sua condizione.

Devo parlare della psoriasi ai miei colleghi e superiori?

Questa è una decisione personale. Dipende dalla gravità della psoriasi e dall'impatto che ha sui colleghi e sul lavoro. Anche se potrebbe essere difficile, parlando con i colleghi della psoriasi probabilmente scoprirà che sono di sostegno.

La maggior parte delle persone affette da psoriasi riferisce reazioni positive da parte dei colleghi, contrariamente alle aspettative. 'Educando' i colleghi, li aiuterà a combattere eventuali pregiudizi e preconcetti che potrebbero aver sviluppato, aiutando anche le altre persone affette da psoriasi che potrebbero incontrare.

A chi lo devo dire per primo?

Una buona mossa è affrontare l'argomento con il superiore diretto. Poi potrebbe spiegare la condizione ai colleghi che sono più interessati dalle sue placche, assenze ecc.

Una volta presa la decisione di parlarne, pensi con attenzione a cosa vuole (e non vuole) dire. Come regola generale è meglio usare un linguaggio semplice. Sottolinei che la condizione è sotto controllo, non è contagiosa e non influisce sul suo impegno lavorativo.

Anche se potrebbe essere difficile, parlando con i colleghi della psoriasi probabilmente scoprirà che sono di sostegno.



Come posso parlare al mio superiore della psoriasi?

Quando si tratta del superiore è meglio chiedere un incontro privato in un momento in cui nessuno dei due è sotto pressione. Scriva ciò che vuole dire: non è necessario scendere troppo nei dettagli se non lo desidera.

Il superiore vorrà sapere se la sua condizione ha delle conseguenze sulla capacità di lavorare. Descriva quindi i modi in cui la psoriasi può influenzare la sua vita lavorativa e quale sostegno apprezzerebbe - ad es. se ha bisogno di ore di permesso a intervalli regolari per un appuntamento dal medico.

Come devo parlarne con i colleghi?

Se desidera che i suoi colleghi sappiano della psoriasi o ritiene adeguato o vantaggioso dirlo a qualcuno, scelga un buon momento per parlare loro delle cause, dei sintomi e del trattamento della psoriasi. Cerchi di fornire una spiegazione semplice e diretta. Questo li aiuterà ad approfondire la comprensione della condizione e la farà sentire più a suo agio.

Quali sono i vantaggi dell'essere sincero sulla psoriasi al lavoro?

Il lavoro può essere abbastanza stressante senza dover nascondere la psoriasi agli altri. Se lo dice ai suoi colleghi, probabilmente si sentirà maggiormente a suo agio nel mostrare la pelle colpita sul posto di lavoro. Questo significa che potrà indossare abiti adeguati al clima, come ad es. top a maniche corte in estate, invece di morire di caldo e fastidio con vestiti che coprono la psoriasi.

Inoltre, una volta che sanno della sua psoriasi, sarà in una posizione molto migliore per chiedere il loro aiuto sul lavoro - potrebbe aver bisogno di un lavoro urgente da eseguire mentre prende qualche ora di permesso per un appuntamento dal medico o di essere sostituito a una riunione perché la pelle le prude immensamente e fa fatica a concentrarsi.

E se non voglio parlare apertamente della mia psoriasi sul lavoro?

Lei ha il diritto di mantenere la riservatezza sulla sua condizione. Tuttavia, alcune persone si sentono meno ansiose e più rilassate dopo aver parlato apertamente della psoriasi.

Potrebbe anche considerare se tenere segreta la psoriasi aumenterebbe l'ansia e il livello di stress. E vale anche la pena di valutare i benefici che potrebbero derivare, sul lavoro e in generale, dall'essere circondati da colleghi pronti a dare il loro sostegno.

Vuole saperne di più?